Add to favourites
News Local and Global in your language
18th of November 2018

Italiano



AFRICA/SUDAN - Torture e maltrattamenti sui cristiani, costretti a rinunciare alla fede

mercoledì, 7 novembre 2018

Internet

Khartoum (Agenzia Fides) - Il governo del Sudan deve indagare urgentemente sulla denuncia di torture e maltrattamenti inflitti a 9 cittadini cristiani detenuti dai Servizi nazionali di sicurezza, dopo accuse di apostasia. Lo chiede il Centro africano per gli studi sulla giustizia e la pace (African Centre for Justice and Peace Studies, ACJPS), invitando inoltre ad abbandonare le accuse di apostasia contro un Pastore cristiano protestante del Darfur, ad assicurare il rispetto dei diritti religiosi e garantire la libertà di credo per ogni cittadino, come previsto dalla Costituzione ad interim del 2005. Il 13 ottobre 2018, i servizi nazionali di sicurezza (NISS) di Nyala, nel Sud del Darfur, hanno arrestato 12 fedeli di una Chiesa cristiana locale a Nyala. Tre dei 12 cristiani provengono dalla tribù Nuba (Kawaleeb) del Sud Kordofan, e sono stati rilasciati dopo 2 ore. I rimanenti 9, originari del Darfur, sono stati detenuti per 5 giorni. Il 21 ottobre 2018, 8 dei 9 cristiani del Darfur sono stati rilasciati dopo aver dovuto rinunciare alla fede cristiana e annunciare di aver abbracciato l'Islam. Prima del loro rilascio, sono stati accusati del reato di "disturbo della quiete pubblica". Il Pastore che era tra loro è stato formalmente accusato di apostasia ai sensi dell'articolo 126 del Criminal Act del 1991, dopo aver rifiutato di convertirsi all'Islam, ed è stato rilasciato su cauzione il 22 ottobre 2018. Come hanno riferito i cristiani, durante la detenzione sono stati sottoposti a torture e maltrattamenti. A causa dei maltrattamenti, quattro di loro hanno riportato gravi ferite e devono trasferirsi a Khartoum per cure e trattamenti sanitari. Come riferito a Fides, l'ACJPS esprime forte preoccupazione per la imputazione di apostasia e la possibilità di comminare la pena capitale a quanti sono riconosciuti colpevoli di apostasia. L'ACJPS rileva inoltre l'applicazione discriminatoria della legislazione da parte delle autorità nei confronti dei cittadini sudanesi non musulmani. (AP) (7/11/2018 Agenzia Fides)

Condividi:Read More




Leave A Comment

More News

Fides News Italiano

ZENIT – Italiano

Disclaimer and Notice:WorldProNews.com is not the owner of these news or any information published on this site.